venerdì 2 febbraio 2018

Si ribalta un barcone di migranti fra Libia e Sicilia: si temono 90 vittime.

L'allarme lanciato dalle Nazioni unite. Trovati 10 cadaveri. Ci sono tre sopravvissuti. L'Oim: "In aumento i profughi dal Pakistan". L'Ue: "Ogni vita persa in mare è una vita di troppo persa".


repubblica.it

Si ribalta un barcone di migranti fra Libia e Sicilia: si temono 90 vittimeUn barcone con 90 persone a bordo si è ribaltato al largo della Libia. Il timore è che i migranti a bordo, principalmente di origini pakistane, possano essere morti.

Secondo Olivia Headon, portavoce dell'Oim, l'Organizzazione internazionale sui migranti, "dieci corpi sono stati trovati sulle coste libiche". Tra questi ci sono 8 pakistani e due libici. Ci sono tre sopravvissuti. "Dobbiamo ancora verificare l'esatto numero di persone che hanno perso la vita durante la tragedia", dice Headon. Per l'Oim "i pakistani sono una percentuale sempre maggiore dei migranti che provano ad attraversare il Mediterraneo dalla Libia per arrivare in Italia e dunque in Europa". Nel 2017 i pakistani giunti in Italia sono stati 3.138. Solo dall'inizio dell'anno a oggi sono arrivati 240 pakistani. "Secondo dati dell'Oim - dice ancora Headon - in tutto il 2017 sono stati tratti in salvo o intercettati 29 cittadini libici. Ma noi stimiamo che la cifra reale sia molto più alta".


Le operazioni di ricerca sono scattate nelle scorse ore. Ancora secondo Headon due sopravvissuti sono stati trovati sulla costa, mentre il terzo "è stato soccorso da un pescatore". Secondo i sopravvissuti le persone disperse sono una novantina. Per la portavoce della commissione europea Catherina Ray "ogni vita persa in mare è una vita di troppo persa. Abbiamo visto i diversi rapporti e il comunicato dell'Organizzazione Internazionale delle migrazioni", ha detto la portavoce. "Ogni vita persa in mare è una vita di troppo persa. E' per questa ragione che continuiamo le nostre azioni lungo tutta la rotta del Mediterraneo centrale per fare delle operazioni di salvataggio e ricerca in mare e lottare i trafficanti e le reti che mettono questa gente in pericolo", ha detto Ray. "Continueremo le nostre azioni laddove le nostre imbarcazioni possono operare", ha concluso la portavoce.