martedì 28 febbraio 2017

Caso Yucel, le vendette del sultano


  http://enricocampofreda.blogspot.it/
La vicenda che ha condotto da due settimane in carcere il giornalista tedesco di origine turca Deniz Yucel è di quelle che, coinvolgendo gli affari loschi di famiglia del presidente Erdoğan, ha ricadute pesantissime. Il sultano da oltre un triennio è impegnato su due terreni di scontro politico-giudiziario. Il principale coinvolge l’accentramento autoritario del suo modello di Islam politico, l’altro ha risvolti sugli intrighi economico-politici del suo clan.

Creare un ePub con LibreOffice e l'estensione Writer2ePub

http://writer2epub.it/

Writer2ePub

Writer2ePub è un’estensione per OpenOffice.org o LibreOffice che consente la creazione di un file ePub a partire da qualsiasi contenuto apribile da Writer.
weWriter2Epub-200x120 (Copia in conflitto di SevenPC 2013-10-16)Con la massima semplicità potrete ottenere un ePub di qualità professionale, facilmente editabile con gli opportuni strumenti. W2E inoltre corregge alcuni errori di formattazione e propone una corretta impaginazione conforme agli standard editoriali più tradizionali.

Giulietto Chiesa: "Gioventù italiana sotto vuoto spinto. Chi ricomincerà a ricostruire i cervelli? "

questa sera su LA7 ore 21.10


questa sera su RAI Movie ore 21.20

questa sera su RAI5 ore 21.15

lunedì 27 febbraio 2017

Dersu Uzala 1975 - Akira Kurosawa - lo trovi su KODI

Minima Moralia

https://it.wikipedia.org/wiki/Minima_Moralia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Minima Moralia - Meditazioni sulla vita offesa
Titolo originaleMinima Moralia – Reflexionen aus dem beschädigten Leben
AutoreTheodor Adorno
1ª ed. originale1951
Generesaggio
Lingua originaletedesco
Minima Moralia - Meditazioni sulla vita offesa (titolo originale Minima Moralia – Reflexionen aus dem beschädigten Leben) è un testo di teoria critica scritto dal filosofo tedesco Theodor Adorno durante la Seconda guerra mondiale in esilio negli Stati Uniti. Originariamente era stato scritto per il cinquantesimo compleanno del suo amico e collaboratore Max Horkheimer, coautore insieme ad Adorno del libro Dialettica dell'Illuminismo.
Il titolo del libro deriva dalla Grande etica (Magna Moralia in latino), un'opera poco conosciuta di Aristotele. Nella dedica Adorno scrive che la "triste scienza" (nuovamente un gioco di parole, questa volta riferito a La gaia scienza di Nietzsche) di cui tratta il libro è "l'insegnamento della buona vita", un tema centrale nelle radici greche ed ebraiche della filosofia occidentale. Oggi, sostiene Adorno, una vita onesta non è più possibile, perché viviamo in una società inumana. "La vita non vive", dichiara l'epigramma che apre il libro. Adorno illustra questo concetto con una serie di brevi riflessioni e aforismi e, muovendo dalle esperienze quotidiane, giunge a intuizioni inquietanti sulle tendenze generali della società tardo-industriale. Gli argomenti presi in considerazione sono la natura sovversiva dei giocattoli, la desolazione della famiglia, la decadenza della conversazione, la diffusione dell'occultismo e la storia del tatto. Adorno mostra come i più piccoli cambiamenti del comportamento quotidiano siano in relazione con gli eventi più catastrofici del ventesimo secolo.

Gianmaria Testa - Dentro la tasca di qualunque mattino + tutti i brani

Shifa, martire della notizia

  http://enricocampofreda.blogspot.it/

Ha finito di narrare prestissimo Shifa Gardi, reporter e capo produzione dell’emittente kurda Rûdaw. A trent’anni è diventata lei stessa vittima dell’offensiva sul fronte di Mosul che, come tanti, semina morte fra combattenti in divisa e popolazione civile, con l’aggiunta degli operatori dei media. Era già accaduto a un giornalista d’una tivù irachena.

Roma 25 marzo: in piazza contro il vertice UE L'appello di "Movimenti e territori del NO sociale" - Appuntamento ore 14 Piazza della Repubblica

 Movimenti
 global project

Pubblichiamo l'appello di Movimenti e territori del NO sociale per costruire una giornata di contestazione radicale al vertice dell'UE, che si terrà a Roma sabato 25 marzo. Appuntamento ore 14 in piazza della Repubblica.

Fondo sanitario nazionale: sollevazione generale contro i tagli per 422 milioni. Alla protesta si uniscono anche i medici ospedalieri



controlacrisi Autore: fabio sebastiani
Con voto unanime, nei giorni scorsi le regioni hanno dato il via libera al riparto del Fondo sanitario 2017. Il fabbisogno standard complessivo è di 108.650 milioni. Nel 2016 la cifra era 108.476 milioni: c'è stato un taglio di 422 milioni per il mancato accordo con le Regioni autonome. La sollevazione contro questo ulteriore aggravamento è stata generale: sindacati, associazioni di utenti e perfino gli addetti al settore. 

Modena City Ramblers - contessa

Università di Bologna, studentessa contro Prodi: “Generazione Erasmus? È solo una favola. Lei ha svenduto l’Italia, riconosca i suoi sbagli”

http://www.ilfattoquotidiano.it/

“Lei ha svenduto il patrimonio economico italiano a società private, e non si è battuto per cambiare i criteri scellerati di Maastricht. Questa Europa non è un’Europa che lei può definire non sua”.  L’accusa arriva da una studentessa appartenente alla reteRethinking Economics Italia che, nel corso di un incontro organizzato il 23 febbraio all’Università di Bologna, si è rivolta all’ex premier Romano Prodi (ospite dell’evento) usando parole durissime. La ragazza ha preso il microfono e il suo intervento si è trasformato presto in una vera e propria accusa all’ex presidente della Commissione europea. “Adesso – ha detto a Prodi – non le chiedo, come fa qualcuno, di formare un nuovo partito o ricandidarsi per riparare alla situazione. Però le chiedo, come minimo, che riconosca i suoi errori e che condanni le politiche neoliberiste che ci hanno portato a questa situazione”.

Vinicio Capossela | RAPATATUMPA | Canzoni della Cupa

USB invita gli insegnanti a non usare la Carta Docenti per sostenere l’occupazione israeliana

http://contropiano.org/   Usb
carta-docente-650
L’USB invita gli insegnanti a non utilizzare la “carta docente” per l'acquisto di prodotti Hewlett Packard (HP) poiché HP fornisce materiale e prodotti che vengono impiegati da Israele nel controllo repressivo e coercitivo del territorio occupato palestinese a partire dai posti blocco, passando per le carceri. Il governo israeliano ha impresso un’ulteriore accelerazione alla politica antipalestinese, come testimonia la decisione di costruire oltre 3000 nuovi alloggi, negli insediamenti illegali. Questo è l'ultimo atto di un processo iniziato nel 1948 e che vede oggi Israele occupare la quasi totalità della Palestina storica.
Contro questa occupazione lunga e tremendamente ingiusta diviene sempre più importante rafforzare la campagna di Boicottaggio Disinvestimento e Sanzioni (BDS) contro Israele che l'USB sostiene. La campagna BDS ha rivolto la sua protesta verso la multinazionale High Tech Hewlett Packard, di seguito è riportato l’appello.
USB Scuola
USB Dipartimento Internazionale

SARVANGASANA (post originale di R@P41)

www.centroyogailsorbo.it

La candela (sarvangasana) appartiene alla categoria delle posizioni rovesciate. In essa tutto si capovolge: la base di appoggio, il baricentro, l’azione della gravità sugli organi interni e sulla ventilazione polmonare, consentendo al corpo di sperimentare un equilibrio rovesciato rispetto alla posizione eretta.
Dopo essersi sdraiati sul tappetino con le braccia lungo il corpo si portano le ginocchia al petto; durante una fase espiratoria, aiutandosi anche con le braccia che premono contro il pavimento, si solleva il bacino e si avvicinano le ginocchia alla fronte; si portano le mani alle lombari mentre le braccia sono a terra fino ai gomiti che devono essere mantenuti vicini tra loro; è questo il momento di portare l’attenzione allo spazio della gola e alla colonna cervicale per provare a distendere e rilassare entrambe attraverso il respiro. Per raddrizzare la schiena gradualmente si spostano le mani in direzione delle spalle, infine si sollevano le gambe che devono essere perpendicolari al pavimento.
In alternativa si può praticare la posizione della mezza candela (ardha sarvangasana), continuando a mantenere l’appoggio delle mani all’altezza delle vertebre lombari; in questa variante le gambe distese e il tronco formeranno tra loro un angolo di circa 90 gradi.

domenica 26 febbraio 2017

lo trovi su KODI

How to Install MP3 Streams Kodi

https://seo-michael.co.uk

This add-on is not supported by the Kodi Team or the XBMC foundation. Please do not post questions on the forum.kodi.tv website relating to this add-on.
This add-on and its repo are available through fusion. If you already have fusion then go straight to step 8
To Install MP3 Streams Kodi:
  • Open Kodi
  • Select SYSTEM > File Manager
  • Select Add Source
  • Select None
  • Type the following EXACTLY http://fusion.tvaddons.ag and select Done
  • Highlight the box underneath Enter a name for this media Source & type fusion
  • Select OK
  • Go back to your Home Screen
  • Select SYSTEM
  • Select Add-Ons
  • Select Install from zip file
  • Select fusion
  • Select xbmc-repos
  • Select english
  • Select repository.Kinkin-x.x.zip

A volte è necessario tornare alla vecchia versione di KODI ( post originale di R@P51)

Passare dalla nuova versione stabile di KODI
Risultati immagini per kodi

"Alitalia, Ilva, Almaviva eil colossale fallimento dell'imprenditoria italiana".

Alitalia, Ilva, Almaviva sono esempi lampanti ed estremi di un colossale fallimento della classe imprenditoriale italiana e di tutti i governi.
Il punto comune di queste crisi è che dopo che per anni si sono scaricati sui lavoratori, e nel caso dell'Ilva anche sulla salute delle popolazioni, i costi del rilancio aziendale, per quanto grandi siano stati i sacrifici occupazionali, salariali, nei diritti, alla fine è andata sempre peggio.
Ora Alitalia chiede di abolire il contratto nazionale e di diventare una versione povera di RyanAir, Ilva dimezza gli organici smontando gli impianti senza averli risanati, Almaviva trasferisce il lavoro all'estero e licenzia, cominciando da chi non accetta di tagliarsi i già miseri salari. Sono modelli che si preparano a seguire in tanti.
Queste aziende, e le altre che stanno per aggiungersi. sono la dimostrazione lampante di tre fallimenti. Il primo è quello dei vertici della classe imprenditoriale italiana, che hanno mostrato che sotto la loro arroganza non c'è niente. Sono capaci di fare profitto solo con i soldi pubblici e non rispettando leggi e diritti; e se non possono continuare così, falliscono.

Ragazzi senza età. L’incontro con un ad di Foodora.

"Ho avuto un incontro molto franco con uno dei due amministratori delegati di Foodora.
È venuto a trovarmi su consiglio della sua agenzia di comunicazione, dopo un post in cui contestavo alcune prassi dell'azienda, come quella di pagare i rider molto poco, a cottimo, senza diritto alcuno né alla malattia né alle ferie, allontanando quelli che si erano permessi di protestare.
 
de1e9571-4ae1-4ab4-9037-a1022cedde51_large Non ha potuto smentire nulla, tranne i licenziamenti di chi ha protestato: sostiene che alcuni rider non sono stati richiamati solo perché ultimamente Foodora a Torino ha ricevuto meno ordini quindi è normale che l'algoritmo chiami meno persone.
Considera allo stesso modo del tutto normale che una persona prenda tre euro e mezzo a consegna, senza nessun diritto, a chiamata, anche sotto la pioggia, e che la bici debba procurarsela lui/lei, tutti comandati da un algoritmo, continuamente geolocalizzati: perché la concorrenza fa uguale, ha detto, o anche peggio; e perché "nessuno li costringe".
Era solo un po' stupito quando gli ho detto che l'ultimo rider di Foodora che ho visto era più vecchio di me, lui li chiama tutti "ragazzi". Gli ho detto comunque, in generale, che non sono ragazzi, sono persone. E gli ho raccontato di quando mio nonno socialista mi spiegava che l'abolizione del cottimo era una delle più grandi conquiste sociali del dopoguerra, e loro quella conquista l'hanno abolita tornando a prima, al passato, anche se sono una app, anche se hanno un algoritmo.
Alla fine mi ha fatto quasi compassione umana, lo dico davvero. Perché ha 29 anni, è uscito dalla Bocconi e nella vita non ha mai sentito parlare d'altro che di profitti e utili, non ha altri valori che quelli, e sgranava gli occhi quando gli chiedevo che cose stesse mettendo nel mondo, e che mondo vuole lasciare ai suoi figli.
Gli auguro ogni bene, e di illuminarsi strada facendo".
da Facebook

Migranti. Accordo italo-libico: 300% in più di migranti morti.

Risultati immagini per migranti libiaI cadaveri dei migranti smascherano il memorandum italo-libico: in bilico su basi fragilissimi, stipulato con un’autorità senza autorità, l’accordo – volto a frenare gli arrivi in Europa – tutela solo i cani da guardia.
Dopo il naufragio e la morte di 74 migranti lungo la costa di Zawiya, ieri sono stati trovati 27 corpi: 14 annegati in mare, vicino alla città occidentale di Zuwara, e 13 soffocati in un container a Khoms. Tutte città in Tripolitania, teoricamente sotto il governo di unità nazionale (Gna) di al-Sarraj, il firmatario dell’intesa.
Ma a dare il quadro di un’emergenza epocale, nascosta sotto il tappeto (o, peggio, sul fondo del Mediterraneo) da simili memorandum bilaterali, sono i dati pubblicati ieri dall’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim): nel 2017 il numero di migranti morti mentre tentavano di raggiungere l’Europa è pari a 366, di cui 326 scomparsi sulla rotta libica. Il 300% in più rispetto allo stesso periodo (primo gennaio-22 febbraio) del 2016, quando le vittime furono 97.

Anoushka Shankar - Land of Gold live at Glastonbury 2016(full concert)

sabato 25 febbraio 2017

Olivia Sellerio

questa sera su RAI Premium ore 19.25


questa sera su RAI Movie ore 21.20

questa sera su RAI4 ore 21.20

i fratelli di crozza

Siamo uomini o caporali?

 dinamopress Alessandro Brunetti*
Una riflessione sul nuovo articolo 603 del codice penale che punisce il reato di 'Sfruttamento del lavoro' e di 'Intermediazione illecita' di manodopera.
A distanza di cinque anni dall’ultima novella si è intervenuto ancora una volta sull’articolo 603-bis del codice penale, contenente il reato di Intermediazione illecita e Sfruttamento del lavoro. L’azione di governo era evidentemente rivolta ad un ambito immaginato come specifico e marginale, una sorta di mercato differenziale, dedicato alle forme più estreme e violente di spoliazione e profitto.

i fratelli di crozza

Trattativa Unicoop Tirreno in stallo: quale gioco stanno facendo?

coop-sciopero
contropiano 
Giampaoletti prima di correre alla corte della Raggi lancia l'ultimatum: accordo o licenziamenti unilaterali

Siamo arrivati al sesto incontro della trattativa per la crisi di Unicoop Tirreno e ormai possiamo parlare di situazione di stallo, dato che anche oggi non c'è stato alcun avanzamento concreto sui temi fondamentali e siamo ancora fermi a tante parole e pochi fatti (oggi solo un altro lieve abbassamento di 20 unità del numero degli esuberi, qualche dato numerico di dettaglio e nient'altro).

Jack Ma: globalismo-canaglia, se non distribuisce ricchezza

http://www.libreidee.org

Jack Ma, patron di Alibaba«Quando Thomas Fridman ha pubblicato il suo bestseller “Il mondo è piatto”, nel 2005, la globalizzazione sembrava una strategia perfetta per gli Usa. Il loro discorso era questo: noi ci teniamo la proprietà intellettuale, la tecnologia e il marchio, e lasciamo il resto del lavoro ad altri paesi come Messico e Cina». La “lezione” la impartisce il professor Jack Ma, insegnante di liceo e poi fondatore del colosso dell’e-commerce Alibaba, al World Economic Forum di Davos. «Le multinazionali americane hanno incassato milioni e milioni di dollari dalla globalizzazione. Quando mi sono laureato all’università in Cina ho provato ad acquistare un cercapersone. Costava l’equivalente di 250 dollari, io ne guadagnavo 10 al mese come insegnante. Ma il prezzo per produrlo era 8 dollari. Ibm e Microsoft facevano più utili delle più 4 più grandi banche cinesi messe insieme: dove sono finiti quei soldi?». La risposta è facile, e avvilente: in paradisi fiscali. «Apple ha quasi 300 miliardi di dollari parcheggiati al riparo del fisco, in smisurati patrimoni personali, mentre Bill Gates destina tutto in beneficienza, in settori che decide lui, e in investimenti finanziari che hanno gonfiato la bolla di Wall Street», scrive “Dagospia”, in una nota che riprende servizi di “Forbes” e “Business Insider”.
«Trent’anni fa – ha aggiunto Ma – le compagnie americane di cui i cinesi avevano sentito parlare erano Ford e Boeing. Oggi sono nella Silicon Valley. E a Wall Street, dove sono stati investiti tutti i profitti. La crisi finanziaria ha cancellato 19,2 trilionidi dollari», cioè quasi 20.000 miliardi, «e ha distrutto 34 milioni di posti di lavoro. Immaginate cosa sarebbe successo se quei soldi fossero stati investiti nel Midwest, per sviluppare industrie e infrastrutture, e soprattutto educazione per chi non se la può permettere?». Un’accusa chiarissima: «Non sono gli altri paesi a rubarvi il lavoro, è colpa della vostra strategia: siete voi che non avete distribuito i profitti nel modo giusto». Jack Ma è convinto che non ci sarà nessuna guerra commerciale fra Cina e Stati Uniti, come si paventa da alcune affermazioni rese da Donald Trump durante la sua campagna elettorale. A difendere la globalizzazione e il libero mercato è intervenuto perfino il presidente cinese Xi Jinping, parlando all’apertura del Forum di Davos. Molto dell’economia cinese si basa proprio sull’export verso l’Occidente e verso gli Usa. L’applicare tasse ai prodotti della Cina potrebbe dare un colpo molto forte alle industrie del paese.

The Best of Bach

Mario Albanesi: "Togliersi di torno"

Diego Fusaro: "Occorre ripartire dallo stato sovrano nazionale"

Aborto, il dramma è delle donne, i diritti sono dei medici

http://www.controlacrisi.org

Sono tutti contro. Cei, Ordine dei medici, la stessa ministra della Salute Beatrice Lorenzin. Tutti contro il bando di concorso indetto dalla Regione Lazio nel 2015 per assumere a tempo indeterminato due dirigenti medici della «disciplina Ostetricia e Ginecologia».
Medici «da destinare al settore Day Hospital e day Surgey per l’applicazione della Legge 194/1978». Tutti difendono il diritto dei medici di scegliere l’obiezione di coscienza, nessuno si preoccupa delle condizioni necessarie a garantire la libertà delle donne di praticare l’interruzione di gravidanza nelle strutture pubbliche.
È una specie di riflesso primordiale. Si parla di aborto e i diritti da garantire sono quelli dei medici. Non quelli delle donne. A testimonianza di una lotta che non si ferma mai, di una libertà conquistata che va difesa e rinnovata sempre.
Perché la libertà d’aborto rimane un punto controverso, fonte costante di tensione, basta vedere i provvedimenti del presidente Usa Donald Trump, che tagliano i fondi alle organizzazioni pro choice. E qui è il conflitto. Contro quella scelta che spetta solo alla donna. Una scelta difficile, dolorosa, ma che non può essere affidata e neppure condivisa, in ultima istanza, con nessuno. Questo dice la legge 194, che affida all’”autodeterminazione” il fondamento della libertà di scelta di ciascuna, oltre consulenti e anche oltre partner, coniugi, famiglia.

Chi usa i voucher? Ecco la lista segreta dell’Inps

http://www.controlacrisi.org

McDonald’s, Sisal, Manpower, Adecco, Chef Express. C’è anche la Juventus. I maggiori utilizzatori di voucher in Italia sono grossi gruppi che operano nel commercio, nella ristorazione, nell’organizzazione di eventi culturali e sportivi. La lista dei primi duecento è stata fornita nei giorni scorsi dall’Inps alla Cgil, dopo mesi di scontri e polemiche, e il manifesto oggi pubblica i 15 che stanno in cima: con tanto di importo lordo in euro e prestatori (i lavoratori cioè retribuiti con i ticket). Si tratta del 2016, anno dell’introduzione della cosiddetta «tracciabilità»: che ha rallentato la crescita, è vero, ma il fenomeno resta preoccupante perché i buoni staccati l’anno scorso sono stati circa 135 milioni (+24% rispetto ai 115 del 2015, cifre che verranno consolidate nei rapporti di marzo).
SE SCENDIAMO SOTTO la quindicesima posizione troviamo altri nomi noti: si va da Burger King alla Rinascente, da Bottega verde ad altre squadre come Lazio, Fiorentina e Chievo. Ma compaiono anche soggetti pubblici: il primo è il Comune di Benevento, chissà cosa potrebbe dirci il sindaco Clemente Mastella. Il pubblico però non fa solo ricorso diretto ai voucher: spesso infatti per eventi culturali, fiere o festival si assumono voucheristi attraverso alcune società che stanno in cima alla graduatoria, e che hanno nomi perlopiù sconosciuti. Ci sono infatti aziende ormai specializzate nel fornire questo tipo di lavoratori «usa e getta» sotto forma di steward, hostess, addetti alla sicurezza, camerieri ai buffet. Alcune voci della lista l’Inps le ha coperte per la legge sulla privacy.

restiamo umahahah

Torino, la sindaca Appendino sgombera il Centro popolare, punto di riferimento per comitati e gruppi impegnati nel sociale. Prc: "Un fatto gravissimo"

http://www.controlacrisi.org

Questa mattina l’amministrazione comunale a guida M5S di Torino ha ordinato lo sgombero a viva forza del Centro Popolare Torino Miccichè ubicato nel quartiere periferico Pietra Alta, uno dei quartieri più poveri e desertificati della città. Lo sgombero effettuato dalla polizia in tenuta antisommossa ha interessato uno stabile di proprietà comunale da tempo inutilizzato e proprio per questo adibito a punto di incontro dei comitati del quartiere impegnati nella lotta contro gli sfratti, per il diritto alla casa. 

"Un fatto gravissimo - si legge in una nota di protesta firmata da Ezio Locatelli, segretario del Prc di Torino - che oltre a negare la fruibilità di spazi pubblici per fini sociali è in totale rotta di collisione con qualsiasi promessa di riqualificazione delle periferie urbane, riqualificazione che passa attraverso anche la valorizzazione e il riconoscimento delle attività per il diritto alla casa, alla cittadinanza sociale, di contrasto alla povertà.

I figli? Roba da ricchi, o la fine della riproduzione

http://contropiano.org

calo_demografico.jpg--
Premessa
Guardandosi in giro
Non so se a voi capita, passeggiando, di osservare la gente che incontrate – l’età, il genere, da dove viene, come si veste – in un tentativo di comprensione delle piccole storie che stanno dietro a quei visi, a quelle mani, a quei capelli. A voi, non so; a me sì. Esco di casa e vedo vecchi che si aggirano per la città. I giovani sono una rarità, così come i bambini. Nelle strade, nei supermercati. Mi sento un giovane, anche se, con i miei cinquant’anni passati, so di non esserlo. Poi, quando per sbaglio esco dall’Europa, e vado, per esempio, in Sudamerica, vedo un mondo che mi lascia basito. Giovani, bambini che riempiono le strade, mamme che hanno forse vent’anni, e, improvvisamente, mi sento vecchio: sì, appartengo improvvisamente alla categoria dei vecchi.
Basta qualche ora di aereo, arrivare a Tirana, o a Skopje, a Tunisi, o a Istanbul e il mondo cambia.
Se vi è capitato di vedere questo, allora vi pongo una domanda: vi siete domandati il perchè, che relazione ha, questo, col modello di produzione capitalistico?

Torino. Ricercatrice rifiuta di collaborare con istituti israeliani

http://contropiano.org

boicotttechnion-300x225
Una giovane ricercatrice dell’università di Torino, dopo il dottorato ha rifiutato la proposta di continuare a lavorare in un progetto sulle energie rinnovabili perché il progetto prevedeva la collaborazione con un una università israeliana di Tel Aviv. La giovane ricercatrice ha motivato la sua non facile decisione con le argomentazioni della campagna internazionale Bds (boicottaggio, disinvestimento, sanzioni) che da anni sta facendo pressioni sulle autorità israeliane per una radicale cambiamento di politica verso i palestinesi. “Le istituzioni accademiche sono un punto chiave della struttura ideologica ed istituzionale del regime di oppressione, colonialismo ed apartheid di Israele contro la popolazione palestinese – scrive in una lettera la ricercatrice (più sotto il testo integrale reso noto dal Collettivo Autonomo Universitario torinese).

Olio di Palma Santo Subito

http://dariocavedon.blogspot.it/


Ieri mi imbatto nel titolo di questa notizia "L'olio di palma non fa male, l'università di Napoli lo assolve"Incuriosito, vado a leggere anche l'articolo, attività ormai in disuso nei tempi della condivisione compulsiva di titoli-che-supportano-la-propria-teoria.

Beh, in effetti l'articolo dice niente di nuovo:
"L'olio di palma, secondo i relatori, solo se lavorato a temperature sopra i 200 gradi e senza adeguati controlli tecnologici potrebbe sviluppare alcune sostanze potenzialmente nocive."
Questo è praticamente quanto scriveva EFSA, l'Autorità Europea per la sicurezza alimentare nel suo rapporto sulla pericolosità del consumo di olio di palma. Rapporto dal quale - credo - si sia innescato tutto il processo che ha portato numerose aziende italiane dal togliere l'olio di palma dai suoi prodotti.

Online il corso informativo di LibreOffice realizzato da LibreItalia e Ministero della Difesa Italiano

http://www.marcosbox.org


La Difesa Italiana, nel programma di migrazione a LibreOffice, ha realizzato un percorso di eLearning volto a formare i propri dipendenti in maniera autonoma. Il percorso di eLearning è stato realizzato in associazione con LibreItalia che ne ha curato la parte didattica da usare come riferimento per i testi del corso. Il materiale è stato utilizzato dalla Scuola delle Trasmissioni e Informatica dell’Esercito (SCUTI) che ha realizzato un corso che, partendo dalle differenze tra Microsoft Office e LibreOffice, accompagna il discente alla scoperta delle funzioni utili a scrivere documenti, realizzare fogli di calcolo e presentazioni multimediali.
I sorgenti del corso sono stati ora pubblicati su Github liberamente disponibili e scaricabili per tutti gli utenti interessati a formarsi in completa autonomia.

Giuseppe Verdi, Nabucco

venerdì 24 febbraio 2017

Lavoro, unità, diritto alla felicità. Così la sinistra discute senza litigare



Giovedì 23 febbraio, Roma. Nella Sala Fredda della Cgil, a due passi da piazza Vittorio, si tiene un incontro in cui si parla di politica. Di sinistra, in particolare. Non possiamo fare a meno di andare, dietro il tavolo – promette l’invito – troveremo a discutere Maurizio Landini e Anna Falcone, Pippo Civati e Nicola Fratoianni, Paolo Ferrero e persino Michele Emiliano. Incredibile, pensiamo, val da solo la camminata.