martedì 15 maggio 2018

Palestina. A Gaza non è uno scontro, è un massacro. La denuncia di medici e scienziati.

Scienziati e medici italiani ed inglesi hanno pubblicato questa lettera dal titolo The Maiming Fields of Gaza (I campi dei mutilati di Gaza) sul British Medical Journal  https://www.bmj.com/content/34 9/bmj.g6644/rr.  A Roma convocato un sit in urgente sotto Montecitorio alle ore 17.30 di martedi 15 maggio.


contropiano.org

La traduzione in italiano

Dal 30 marzo 2018, i civili palestinesi che vivevano come profughi ed esiliati a Gaza da quando erano stati cacciati dalla Palestina si sono radunati in manifestazioni disarmate di massa sul loro diritto al ritorno nella patria che hanno perso nel 1948. Affrontati dall’esercito israeliano, inclusi 100 cecchini, il bilancio dei morti e feriti civili palestinesi sta crescendo a un ritmo scioccante mentre scriviamo.
C’è uno sfondo per questo. In primo luogo, vi è l’impatto in atto del blocco israeliano di Gaza durato 12 anni circa la cura e la salute della sua gente e il degrado dei suoi servizi sanitari. La violenza e la distruzione inflitte dall’azione militare israeliana in Operazione Protective Edge nel 2014 e Operazione Cast Lead nel 2008-9 hanno segnato un netto punto di svolta nella pauperizzazione di Gaza, sullo sfondo di un blocco sempre più serrato dal 2006. Questo assalto nel 2014 è stato ucciso oltre 2.200 civili, un quarto dei quali erano bambini, feriti 11.000, distrutto 15 ospedali, 45 cliniche e 80.000 case. (1)

Dal 2014 Israele ha ulteriormente ristretto il passaggio di medicinali e attrezzature essenziali a Gaza e l’ingresso di medici ed esperti stranieri che offrono competenze tecniche non disponibili a livello locale. Gli ospedali di Gaza si sono impoveriti di antibiotici, agenti anestetici, antidolorifici, altri farmaci essenziali, articoli usa e getta e carburante per gestire i teatri chirurgici. (2) I pazienti muoiono mentre aspettano il permesso di andare in terapia specialistica fuori da Gaza. Tutti gli interventi di chirurgia elettiva sono stati annullati dallo scorso gennaio 2018 e 3 ospedali sono stati chiusi a causa di farmaci, attrezzature e scarsità di carburante (3). Il personale medico ha lavorato a stipendi ridotti. I professionisti della sanità di Gaza trovano quasi impossibile ottenere il permesso israeliano di recarsi all’estero per migliorare la loro formazione. I regolari episodi di assalto militare a Gaza e l’attuale attacco di manifestanti disarmati fanno parte di un modello di emergenze periodicamente indotte dalla politica israeliana. Gli effetti cumulativi dell’impatto sull’assistenza sanitaria per la popolazione generale sono stati documentati in più rapporti da ONG, agenzie delle Nazioni Unite e OMS. (4). Questa sembra essere una strategia per il de-sviluppo dei servizi sanitari e sociali che colpiscono tutta la popolazione di Gaza.
L’attuale uso sistematico di una forza eccessiva nei confronti di civili disarmati, compresi bambini e giornalisti, sta provocando un’ulteriore crisi per il popolo di Gaza. Dal 30 marzo 2018, i cecchini che sparano munizioni di grado militare hanno causato ferite paralizzanti a dimostranti disarmati. (5) A partire dal 23 aprile 2018, 5511 palestinesi, inclusi almeno 454 bambini, sono stati feriti dalle forze israeliane, inclusi 1.739 da munizioni vere secondo il Ministero della Sanità palestinese a Gaza. A partire dal 27 aprile, il bilancio delle vittime ha raggiunto i 48 (a cui si aggiungono i 55 del massacro di oggi lunedi 14 maggio, ndr) e altre centinaia di feriti.
Persino la BBC ha mostrato film sulle deliberate sparatorie di persone che stavano in piedi inoffensive o che stavano scappando, compresi bambini e giornalisti (6). Il fuoco da cecchino è per lo più non alla testa, con la maggior parte delle ferite alla parte inferiore del tronco e alle gambe. Dozzine hanno avuto bisogno dell’amputazione di emergenza di una o di entrambe le gambe, e altre 1.300 hanno richiesto fissazioni esterne immediate che comporteranno circa 7.800 ore di chirurgia ricostruttiva complessa successiva se si vogliono salvare gli arti. Questo è calcolato maiming. Altre persone potrebbero morire o incorrere in invalidità per tutta la vita a causa del degradato stato di salute del paese, il divieto da parte di Israele del trasferimento per i feriti gravi (7). In che modo Gaza sopravvive a questa situazione? E nel frattempo, ai molti che hanno perso l’assistenza sanitaria non di emergenza a causa della continua mancanza di medicine ed energia, si aggiungeranno molti altri, ora che tutte le scarse risorse vanno a sostenere gli sforzi per cercare di salvare gli arti colpiti.
Mentre varie agenzie delle Nazioni Unite e dell’OMS hanno condannato le azioni israeliane, i governi occidentali non hanno fiatato e quindi rafforzano l’impunità che Israele sembra sempre godere nelle azioni sostenute verso la società palestinese. Altri che cercano di documentare e attirare l’attenzione su eventi come questo, anche su riviste mediche, sono spesso soggetti a denigrazioni e attacchi ad hominem, così come gli editori di riviste (8). Sono questioni di vergogna internazionale.
——————-
Derek Summerfield, Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze, King’s College, Università di Londra.
David Halpin, chirurgo ortopedico e traumatologo in pensione. Membro – Associazione ortopedica britannica.
Swee Ang, Consultant Trauma and Orthopedic Surgeon, Barts Health, Londra
Andrea Balduzzi, ricercatore, Università di Genova, Italia
Franco Camandona, MD, Ospedale Galiera, Genova, Italia
Gianni Tognoni, Istituto Mario Negri, Milano, Italia,
Ireo Bono, MD, oncologo, Savon, Italia
Marina Rui, PhD Università di Genova, Italia
Vittorio Agnoletto, MD, Università degli Studi di Milano, ex deputato al Parlamento europeo, Italia
(1) 50 giorni di morte e distruzione. Istituto per la comprensione del Medio Oriente. https: //imeu.org/article/50-days-of-death-destruction-israels-operation -…
(2) Emergency Delegation to the Gaza Strip. Physicians for Human Rights Israel.
http://www.phr.org.il/en/phri- emergency-delegation-to-the- gaza-strip-apr…
(3) – https://www. middleeastmonitor.com/ 20180213-work-at-main-gaza- hospital-st…  February 13, 2018
http://www.aljazeera.com/ news/2018/02/palestinians-die- israel-refuses-me…
(4) Unnecessary loss of life   http://gisha.org/updates/ 8742
-Humanitarian Coordinator calls for protection of Palestinian demonstrators in Gaza alongside support for urgent humanitarian needs – https://www.ochaopt.org/ content/humanitarian- coordinator-calls-protectio…
-Israel/OPT: Authorities must refrain from using excessive force in response to Palestine Land Day protests   https://www.amnesty. org/en/latest/news/2018/03/ israelopt-authorities-mus…
5) World Health Organisation Special Situation report- Gaza, Occupied Palestinian Territory. https:// israelpalestinenews.org/who- special-situation-report-gaza- occupi…
6) The Palestinian Day of Return: from a short day of commemoration to a long day of mourning K. Elessi 27 April 2018, Lancet
https://doi.org/10.1016/S0140- 6736(18)30940-1
Civilians, health workers, journalists and children killed and wounded march 30-april 27, 2018
http://www.msf.org/en/ article/palestine-msf-teams- gaza-observe-unusually…
-Horrific injuries reported among Gaza protesters   https://www.map. org.uk/news/archive/post/828- horrific-injuries-reported-…  Palestinians killed and hundreds injured in Gaza during demonstrations along the fence   https://www.ochaopt.org/ content/four-palestinians- killed-and-hundreds-in…
-New MAP film from Gaza: health workers under attack
https://www.map.org.uk/news/ archive/post/827-new-map-film- from-gaza-atta…
-Adalah& Al Mezan petition Israeli Supreme Court: Order Israeli army to stop using snipers, live ammunition to disperse Gaza protests   http://www.mezan.org/ en/post/22754/Adalah+%26+Al+ Mezan+petition+Israeli+…
(7) –   https://www.ochaopt.org/ theme/casualties
https://mailchi.mp/phr/ muwsh5pulz-991741?e=19b7f93641
(8)Pressure on ‘The Lancet’ for Gaza letter another example of pro-Israel assault on freedom of expression 11 novembre 2014 |Catherine Baker pour Mondoweisshttp://www.aurdip. fr/pressure-on-the-lancet-for- gaza.html?lang=fr